Casa Malaparte, Villa Malaparte

Casa Malaparte, Villa Malaparte Architetto: Adalberto Libera;
Architettura: Contemporanea;
Luogo: Punta Masullo, Capri, Italia;
Tipo di edificio: case;
Anno di costruzione: 1938 - 1943
Mappa (WGS84): 40.546808911919015 / 14.259105920791626;
Fotografia: Wikipedia - GNU;


Qualcuno ha detto, senza un buon committente non ci pu essere un buon architetto.
Sicuramente il caso di Villa Malaparte.
In questo progetto, almeno secondo la seria ricerca fatta da Marida Talamona, e pubblicata in "Casa Malaparte", Clup, 1990 la villa pi Malaparte che Libera.
Sebbene Adalberto Libera abbia steso le prime idee e abbia dato l'impostazione volumetrica con i primi schizzi del 1938, le invenzioni formali che la caratterizzano sono sicuramente di Curzio Malaparte.

Significativa unimmagine che ritrae Curzio Malaparte nel 1934 davanti alla scalinata della chiesa dell'Annunziata a Lipari, dove era in esilio.
La scalinata dell'Annunziata di fatto la scalinata che raccorda il parallelepipedo di Villa Malaparte con le rocce di Punta Masullo.

Cos gli schizzi sicuri e fermi di Libera, si contrappongono alle righe ingenue di Malaparte fatte sui disegni dell'architetto, dove per altro si intravede per entrambi la volont di raccordare il quadrilungo alle rocce.

Interessante sono alcune immagini della casa in costruzione, dove la scalinata sembra un settore di una cavea, con tanto di vomitorio centrale alla gradinata.
Dunque un teatro che ha come frontescena le rupi di Punta Masullo. Il capomastro convinse di seguito Malaparte a chiudere il vomitorio in quanto in quegli anni non erano in grado di risolvere adeguatamente le problematiche delle infiltrazioni.

Planimetricamente vi un grande salto tra il primo disegno di Libera con quanto costruito.
Il primo progetto diremmo oggi che era piuttosto scontato, ma tipico dell'organizzazione di un quadrilungo: corridoio laterale e locali in sequenza.
Quanto costruito possiamo invece dire che antico e non tipologia del movimento moderno.
Al primo piano si entra in un grande salone che occupa tutta la larghezza dell'edificio. Un camino monumentale con cappa curvata che raggiunge il soffitto posto quasi centralmente sul lato maggiore e stabilisce le gerarchie dello spazio.
Sul lato minore del soggiorno verso il mare, vi , centralmente, l'accesso alla zona notte, dove tutto organizzato con rigorosa simmetria.
Lo studio di Malaparte, largo come la casa, all'estremo del quadrilungo, ed accessibile unicamente dalla camera da letto, la quale posta in simmetria con la camera della "favorita".

Particolarmente interessanti e suggestive sono le relazioni con il paesaggio. Oltre la prima, gi descritta, dove vi la metafora teatrale; vi sono quelle interne.
Nel soggiorno, a lato del camino, vi la finestra che inquadra i faraglioni che a vetro unico ed incorniciata con una vera cornice; come fosse un quadro.
Il fondo del focolare del camino non ha una pietra ma un vetro e come sfondo i faraglioni; ci si chiede come poteva essere la visione dei picchi visti all'imbrunire attraverso le fiamme del camino.
E da ultimo la finestra sul mare dello studio di Malaparte, dove la vista priva di riferimenti terrestri e l'unica visione il mare aperto.

Villa Malaparte antica anche nelle piccole cose, nelle piastrelle e nell'arredamento. Frammenti e pezzi di architettura classica popolano la casa e costituiscono parte dell'arredamento. Pezzi di colonne sono utilizzati quali basamenti dei tavoli e quali elementi sanitari. Il bagno una alcova.

In questo luogo inedificabile, dove oggi sarebbe impensabile costruire, Adalberto Libera e Curzio Malaparte, fondendo due modi di essere geni, sono riusciti a collocare magistralmente, sulla cresta della scogliera, un grosso parallelepipedo rosso e a costruire il luogo.

Villa Malaparte a Capri una casa razionalista forse solo dal punto di vista anagrafico, in quanto le invenzioni che la sostengono gli hanno fatto superare il suo tempo.

Altre informazioni


Vitruvio Gallery

ok Visualizza la Gallery