Edoardo Persico

Immagine non disponibile Nato: 8.2.1900, Napoli, Italia;
Morto: 11.1.1936, Milano, Italia;
Bibliografia: libri per approfondire l'argomento;
Sito ufficiale: ;
Fotografia: Non disponibile o sconosciuto;


Nasce a Napoli, dove frequenta il liceo classico. Nel 1920 compie un viaggio a Parigi. L'anno successivo abbandona gli studi di giurisprudenza e si dedica ai suoi interessi artistici e letterari, pubblicando nel 1923 il racconto filosofico "La città e gli uomini d'oggi" edito dall'editrice Quattrini di Firenze. Amico di Piero Gobetti, con cui collabora alle riviste La Rivoluzione Liberale e Il Baretti, si trasferisce nel 1927 a Torino dove vive tra penose ristrettezze lavorando come uomo di fatica alla FIAT.
Dopo incredibili sacrifici, fondò una propria casa editrice. Qui conobbe Lionello Venturi e sostenne un gruppo di artisti che saranno noti come i "Sei di Torino". Nel 1929 Persico si trasferì a Milano, dove collaborò alla rivista Belvedere e intorno al 1930 fondò la galleria del Milione e nel 1931 diresse con Giuseppe Pagano la rivista Casabella. Fu chiamato ad insegnare all'ISIA, innovativa scuola monzese di arte applicata.
Dal 1934 volse il suo interesse verso l'architettura, aderì al Movimento Razionalista, realizzò arredi di interni e allestimenti per esposizioni.
Persico viene trovato morto nella sua casa nel gennaio 1936 a trentacinque anni. (Wikipedia)

Altre informazioni